Tra i compiti istituzionali della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio della Basilicata, organo periferico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, rientrano la tutela e la valorizzazione dei beni culturali di interesse archeologico, architettonico, storico artistico, etnoantropologico e del paesaggio del territorio della Basilicata, attività esercitata ai sensi del Decreto Legislativo N. 42/2004 (Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio) sul patrimonio culturale (compresi parchi e giardini storici) di proprietà pubblica e privata.

Nell’ambito delle competenze previste dal D. Lgs. 42/04, la Soprintendenza svolge attività di tutela territoriale, controllo e vigilanza sui beni culturali esaminando i progetti di conservazione e restauro presentati da soggetti pubblici e privati.

La Soprintendenza svolge, inoltre, funzione di tutela diretta sul patrimonio culturale (demaniale, non demaniale e privato), intervenendo con progetti di restauro e di valorizzazione su finanziamenti del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e su fondi speciali (Lotto, etc.).
La tutela viene esercitata, con funzione di indirizzo e di coordinamento, ai sensi del D. Lgs. 42/04 nelle modalità previste dalle leggi vigenti.